martedì 29 settembre 2015

La storia di Bellacresta





Questa è una storia pasquale ma io desidero raccontarvela oggi, perchè è una storia simpatica!

Bellacresta era la gallina più sfortunata del pollaio.,
Ancora non aveva fatto il primo uovo.
Eppure si impegnava tanto!
Spesso si nascondeva in una piccola buca del terreno
e stava lì per ore e ore a piangere in silenzio, mentre le altre galline si divertivano a parlar male di lei.

"Che spettacolo disgustoso!" diceva a voce alta Mariamamma, la chioccia, gonfiando tutte le piume.
"Quando si deciderà a fare il suo dovere invece di frignare tanto?" apriva il becco Teodolinda.
"Tutte noi abbiamo imparato da un pezzo. Tutte! Ma lei ancora no!"
Bianchina scuoteva le belle penne bianche delle ali e bisbigliava maligna: "Come non lo sai? Guarda che Bellacresta non è capace di fare le uova...Non ci riesce! Non può!"
"E' proprio così! E' una vergogna per tutte noi..." strillava Rossiccia, drizzando la cresta. "Il disonore del nostro pollaio."
A quelle parole tutte le galline insieme levavano un coro di coccodè scandalizzati.
Eh, no, nessuno voleva bene a Bellacresta in quel pollaio.

Per sua fortuna la gallinella aveva un amico, che viveva nel bosco.
Si chiamava Cris ed era un piccione.
Un giorno d'inverno Cris era entrato nel pollaio a cercare cibo: "Ciao bella! Come ti va?"
Bellacresta teneva da parte per lui qualche chicco di mais, o altri semi golosi. E d'estate lui ricambiava la cortesia con qualche spiga di grano bella piena o ciliegie e foglie di menta profumate.
"Mangia - le diceva - magari ti può aiutare!"
"No, no, E' tutto inutile! Io non riuscirò mai a fare le uova...mai...mai".

Un giorno Cris piombò nel pollaio come se avesse il fuoco sotto la coda.
"Bellacresta stammi un po' a sentire...."
Nel bosco era arrivato un gufo che aveva la fama di essere un grande mago.
"Si chiama Epimeteo, sa fare incantesimi, pozioni magiche......sono andato a trovarlo e gli ho parlato di te. Ci aspetta questa notte a mezzanotte!"
Bellacresta non voleva ascoltare le parole del suo amico che tanto fece e tanto parlò che la convinse.
" Sarò qui al tramonto" disse Cris" Stà pronta, eh!"

Quella sera quando tutte le galline andarono a dormire, Bellacresta scivolò fuori dal pollaio.

E......a domani, se mi aspetterete! Nonna Birdye.


4 commenti:

  1. Ma che fai? Sul più bello interrompila favola!
    Ciao Lucia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un po' di suspence......ci vuole! Troppo comodo trovare tutto già bell'è pronto!. Abbracci

      Elimina
  2. Risposte
    1. Huella....ti ho pubblicato il commento, ma mia cara, Signorina "tumistuffi" cosa l'è che ti vueri? La prego di leggere attentamente!!!

      Elimina